Caro Presidente … non sono d’accordo

Erano in gioco due interessi o “beni” entrambi meritevoli di tutela: il rispetto delle norme e delle procedure previste dalla legge e il diritto dei cittadini di scegliere col voto tra programmi e schieramenti alternativi. Non si può negare che si tratti di “beni” egualmente preziosi nel nostro Stato di diritto e democratico.

Così si esprime il Presidente della Repubblica Napolitano sul sito del Quirinale a seguito della firma del Decreto “Salva liste”.

Non concordo! Il rispetto delle regole è il presupposto che garantisce a tutti di poter scegliere democraticamente col voto tra programmi e schieramenti alternativi. Senza rispetto delle regole non c’è democrazia. Tradire le regole non è garantire la democrazia. Mi spiace, caro Presidente, questa volta non sono d’accordo con Lei!

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: