Archive for dicembre, 2009

dicembre 30, 2009

buona notizia di fine anno

Prima la voce era nell’aria, ora pare proprio che sia vero: a breve San Felice uscirà dell’Unione dei Comuni della Valtenesi.

La fine del 2009 ha portato una buona notizia! Bravo Paolo … continua così! Se aggiusti il tiro sul tema dell’urbanistica finirà che dovrò davvero chiudere il mio blog. 

Ah … per chi si è perso le puntate precedenti sul “carrozzone” dell’Unione dei comuni può leggere il mio pensiero qui:

https://laltrasanfelicewp.wordpress.com/2008/10/22/unione-dei-comuni-della-valtenesi/

Annunci
dicembre 4, 2009

Accuse a Boffo: Feltri ci ripensa

Oggi Vittorio Feltri ci ripensa. Si è sbagliato! Troppo facile adesso dire così, ma l’obbiettivo è stato centrato: “colpirne uno per educarne cento”. La diffamazione per togliere di mezzo chi non si adegua è una pratica molto diffusa, a livello nazionale e nei piccoli comuni.

L’ammissione è finalmente esplicita: «La ricostruzione dei fatti descritti nella nota (il falso dossier elaborato non si sa da chi, ndr), oggi posso dire, non corrisponde al contenuto degli atti processuali». Questo il nocciolo della risposta che oggi  Vittorio Feltri, direttore del Giornale in prima pagina dà ad una lettrice che lo interpella sul tema a tre mesi dall’episodio. «Da quelle carte, Dino Boffo non risulta implicato in vicende omosessuali – prosegue Feltri -, tantomeno si parla di omosessuale attenzionato. Questa è la verità. Oggi Boffo sarebbe ancora al vertice di Avvenire. Inoltre Boffo ha saputo aspettare, nonostante tutto quello che è stato detto e scritto, tenendo un atteggiamento sobrio e dignitoso che non può che suscitare ammirazione».

Quella di feltri è «una retromarcia clamorosa e importante» ha commentato il direttore di Avvenire Marco Tarquinio. «Dicemmo all’inizio della vicenda – ha proseguito – che con un galantuomo come Boffo il tempo sarebbe stato galantuomo. Questa volta abbiamo dovuto aspettare meno del consueto». «Le scuse pubbliche pubblicate sulla prima pagina del Giornale, tuttavia – ha aggiunto – non riparano completamente ai danni subiti non solo da Boffo ma anche da un metodo di informazione corretta fondata sui fatti, e non cancella le responsabilità di chi conduce battaglie mediatiche con mezzi tutt’altro che limpidi». Le affermazioni di oggi di Feltri – ha proseguito Tarquinio – sono importanti perché ridanno dignità «ad una vita brutalmente capovolta», ma devono «far riflettere noi giornalisti sulla responsabilità che abbiamo verso i lettori e verso noi stessi».

Da Avvenire 4 Dicembre 2009